Foto di Fossanova, Priverno (LT)

Fossanova Medievale

Intensa la selezione degli standisti e degli artisti che popoleranno il fantastico borgo di Fossanova, Priverno (LT).

Per il 20 Luglio, tutto sarà programmato e chiuso; prima di allora non possiamo anticiparvi nulla, se non, appena avremo una visione globale, non perderemo tempo a  farvi conoscere e capire l’entità della “Festa Medievale”.

Yurta Mongola per eventi “Green”

La Yurta Mongola è un ambiente caratteristico ed affascinante.
Puoi affittare lo spazio per organizzare:
eventi – seminari – attività per bambini – animazione – spettacoli teatrali, con marionette, burattini – incontri di meditazione – rilassamento – incontri di canto e qualsiasi altra cosa ti venga in mente!

Siamo in via Selvotta, Cassino (FR), presso l’ex Asilo
a 1,6 km dall’imbocco della strada, ci trovi sulla destra.

Yurta Mongola - La Tana

 

Busta Gi ..!

Dalle false buste di plastica,  passando per i danni  procurati all’ambiente e alle conseguenze dei mercati fuori controllo..Parte dal principio la sfida della coop. La Tana. La nuova campagna proposta dalla coop. LaTana vuole raggiungere l’obiettivo della riduzione delle false buste di plastica biodegradabili che stanno causando danni infinitesimali all’ambiente. Adottando una busta realizzata dalla coop.laTana, completamente compostabile biodegradabile si riduce l’utilizzo del materiale nocivo di cui sono formate le buste di plastica e non solo; grazie alla vendida delle Buste GI si contribuirà al restauro di un ex asilo che la coop. LaTana ha preso in gestione per creare un ‘EDUTECA che sarà, grazie alla partecipazione di tutti voi, per la primavera 2015, un centro di educazione ambientale per i più piccoli e le loro famiglie. Le buste potranno poi essere personalizzate, dai grafici presenti all’interno della coop.LaTana, con logo dell’associazione o dell’attività commerciale desiderata, contribuendo cosi alla diffusione del proprio messaggio a favore dell’ambiente! E per il mese di dicembre saranno disponibili buste per il packaging natalizio all’Eduteca ex asilo! “Non prendere un pacco, acquista Busta Gi!10422390_820573094629597_1875943904170084306_n

Minimo Impatto si racconta a LA TANA

Minimo Impatto è una delle realtà green più importanti in Italia nella distribuzione dei prodotti ecosostenibili e in particolar modo delle ecostoviglie biodegradabili e compostabili e uno tra i principali partner di Ecozema. Minimo Impatto è nata nel 2006 dall’idea di due genitori e cittadini, Giuseppe e Maria Rosaria per trovare per sé e gli altri i migliori prodotti green ai prezzi giusti cosi  di anno in anno si è affermata tra i leader della distribuzione dei prodotti catering bio­compostabili con un occhio sempre attento anche alla comunicazione ambientale. “Con mio marito Giuseppe (Avolivolo, direttore di Minimo Impatto ndr) 8 anni fa iniziammo a chiederci dove poter trovare prodotti che rispettassero il Pianeta e i suoi occupanti dalle materie prime al fine vita”.­ Racconta Maria Rosaria Ferrò a chi le chiede di ricordare gli inizi­ . “Data la difficoltà nel reperirli ­ dai piatti monouso ai pannolini ecologici ­ abbiamo capito che il nostro sforzo, nel trovarli, doveva poter essere utile a tutti”. Così è nata Minimo Impatto per far sì che cittadini, ma anche aziende, negozi, proloco e comuni potessero trovare subito i prodotti ecosostenibili di cui avevano bisogno. E negli anni Minimo Impatto è diventata una garanzia sia per i fornitori che per i clienti. Il primario settore di Minimo Impatto è rappresentato da piatti, bicchieri e posate biodegradabili e compostabile. Così è nato il portale Ecostoviglie.com. “I prodotti catering biodegradabili e compostabili rimangono il nostro primo settore”. Ricorda Maria Rosaria Ferrò. I clienti spaziano da gestori di mense e catering, a comuni, proloco, ristoranti, bar ma anche uffici e privati cittadini. Chi ha iniziato ad introdurre le ecostoviglie man mano ci ha chiesto tutta una serie di prodotti per avere una linea 100% ecosostenibile. Pensate a quanti tipi di bicchieri esistono: per bevande calde o fredde, sciortini o birra e poi coperchi, cannucce ecc. Ma anche cartoni per i fritti, coppette e cucchiaini da gelato o vassoi per il forno ed il microonde. Era arrivato il momento di raccogliere tutte le migliaia di prodotti (uno per ogni esigenza e tanti ne arriveranno) di ecocatering e dare così risposta a quanti di giorno in giorno vogliano avere un servizio di ristorazione ecosostenibile ­ per scelta o perché in quel comune vigono criteri di GPP (Acquisti Verdi) ­ con la fornitura di ogni tipo di prodotto di cui possano aver bisogno”. “La nostra attività ­” prosegue nel racconto il direttore Avolivolo ­ “non si sarebbe potuta sviluppare a tale punto senza la preziosa collaborazione di partner appassionati e capaci come La Tana. Ciò che mi ha colpito è vedere negli occhi dei ragazzi della cooperativa quella voglia di ecosostenibilità che sentiamo nel cuore anche noi di Minimo Impatto. Campagne come #Facrescereglialberi riassumono lo spirito green che anche noi vogliamo portare avanti. Un altro mondo è possibile e sono persone come i componenti de La Tana che ogni giorno ce lo ricordano e lo cambiano, albero dopo albero, evento ecosostenibile dopo evento ecosostenibile, seme dopo seme”.ecostoviglie_logo

Abbi la “stoffa” di cambiare, punta all’ecostile!

Cassino: E’ stata inaugurata lunedi 22 settembre una nuova idea di fare impresa, dalla nascente coop. Soc. Le officine, una sartoria dal nome “il laboratorio del rovescio”. Il laboratorio ha sede legale a Cassino (FR). La scelta è caduta su Cassino in quanto la città risulta ubicata in una posizione strategica, tra Roma e Napoli, due poli molto importanti. La sartoria sociale si prefigge un doppio scopo: dare formazione e lavoro a persone inquadrate nelle fasce svantaggiate (legge 381/91), proponendo corsi di formazione rivolti alle persone in stato di difficoltà momentaneo. La sartoria inoltre rivolge la sua attenzione al materiale usato, esempio significativo è quello del cotone, proveniente da agricoltura biologica, non tinto, per non essere dannoso ne’ per l’organismo ne’ per l’ecosistema. Per essere in piena coerenza con l’iniziativa la coop. Soc. Le officine, durante l’innagurazione Del laboratorio ha voluto offrire cibi e bevande in stoviglie del tutto compostabili, messe a disposizione dalla coop.soc. La Tana, dove i materiali utlizzati per creare tali stoviglie sono stati ricavati da fonti rinnovabili e riciclate come il mais, il legno, e il girasole. Per far si che ogni evento contribuiosca a uno sviluppo della società in modo del tutto rispettoso, quasi a ritroso. Valorizzando cosi le ricchezze che si hanno intorno, ma che non si è capaci di usare, riscoprendo cosi la “stoffa” che ognuno di noi possiede.
10688021_792968467390060_2306386283306994732_o

 

Non lasciare tracce. Una scommessa Ecologica.

Si e concluso con grande successo Il family day 2014 svoltosi il 20 settembre a Ferentino, vicino Roma, grazie anche all’ingegnosità di Moreno Rotondi responsabile dell’azienda Arken nata nel 1993. L’azienda che annovera tra i suoi più importanti obiettivi l’innovazione e la soddisfazione dei clienti,  ha deciso di mettersi a piena disposizione all’interno del Family day; portando all’attenzione dei partecipanti l’investimento ecologico fatto all’interno dell’azienda di un impianto fotovoltaico da 400kw ed un impianto di cogenerazione, che trasforma gli scarti di lavorazione in energia pulita in grado di produrre energia elettrica e termica. Contemporaneamente all’interno del Festival sono state utilizzate esclusivamente stoviglie in materiale biodegradabile e compostabile, fornite dalla Coop. Soc. La Tana, coerenti con il sistema di gestione ambientale ISO 14001. Tutto l’organico raccolto in maniera differenziata durante Il Festival, insieme alle stoviglie, è stato conferito nella Stazione Sperimentale di compostaggio e con la tecnica del “cumulo a caldo” trasformato in compost. Tutto l’organico è stato mischiato con foglie secche, erbe e potatura proveniente dal taglio del giardino e per facilitare l’azione di compostaggio è stato unito il tutto con compost “giovane” di circa due mesi. Questo per dimostrare che nell’esistenza sono molte le tracce che possiamo lasciare, ma possiamo fare anche in modo che queste non siano fatte di immondizia ma di energia e sviluppo.

10658953_383748331772614_7527096491356235490_o

E’ ora di Piantarla.

Contrada Casaldianni a Circello: Ieri 19 settembre è partito il primo Festival della Canapa in Campania, nella Provincia di Benevento con la scommessa di far comprendere a tutti i partecipanti il valore di questa pianta. Elemento sacro dalle mille virtù, che vanno da quelle tessili, all’alimentazione, a vero e proprio “ricostituente” del terreno. Essa è una pianta essenziale per la terra in questo periodo dove l’abuso ha reso i terreni più inquinati che mai ed ora come ora hanno bisogno di essere rivalutati in modo del tutto innovativo. Questo Festival vuole diffondere le varietà di canapa comprese le loro doti preziose e le possibilità economiche che si stanno sviluppando all’interno di questo nuovo mercato in tutta Italia. Grazie a CIA Benevento, a Lentamente Società Cooperativa Agricola e MinimoImpato, fino al 21 settembre il Campacanapa Festival punterà alla rivalutazione della canapa creando un luogo di incontro durante il quale acquisire conoscenze e competenze relative alla coltura della canapa per valutare ed eventualmente provare a trovare un indirizzo comune nell’implementazione di progetti legati a questa coltura. Sono previsti convegni, laboratori pratici, assaggi gastronomici. Grazie alla collaborazione con la coop. soc. laTana, che punta al recupero di materiali naturali, ai curiosi del mondo green sarà proposto un catering del tutto ecologico. Utilizzando il nuovo kit proposto dalla coop.soc LaTana che comprende forchette, cucchiai e coltelli di legno, buste bioware e tovaglioli, si cercherà di rispettare la naturale circolarità degli elementi. «Sono sempre di più gli individui che si pongono il problema della produzione e dello smaltimento dei rifiuti, specialmente di quelli quotidiani. Noi crediamo che i nostri kit possano rispondere, in parte, alla soluzione di alcuni aspetti di questa questione». Cosi Paola Lucchetti Presidente dell coop. soc.LaTana spiega la loro presenza li al Festival! Allargando poi l’invito a tutti quelli che credono sia possibile cambiare il mondo partendo da piccoli gesti come può essere quello di piantare un seme!

Campacanapa