Abbi la “stoffa” di cambiare, punta all’ecostile!

Cassino: E’ stata inaugurata lunedi 22 settembre una nuova idea di fare impresa, dalla nascente coop. Soc. Le officine, una sartoria dal nome “il laboratorio del rovescio”. Il laboratorio ha sede legale a Cassino (FR). La scelta è caduta su Cassino in quanto la città risulta ubicata in una posizione strategica, tra Roma e Napoli, due poli molto importanti. La sartoria sociale si prefigge un doppio scopo: dare formazione e lavoro a persone inquadrate nelle fasce svantaggiate (legge 381/91), proponendo corsi di formazione rivolti alle persone in stato di difficoltà momentaneo. La sartoria inoltre rivolge la sua attenzione al materiale usato, esempio significativo è quello del cotone, proveniente da agricoltura biologica, non tinto, per non essere dannoso ne’ per l’organismo ne’ per l’ecosistema. Per essere in piena coerenza con l’iniziativa la coop. Soc. Le officine, durante l’innagurazione Del laboratorio ha voluto offrire cibi e bevande in stoviglie del tutto compostabili, messe a disposizione dalla coop.soc. La Tana, dove i materiali utlizzati per creare tali stoviglie sono stati ricavati da fonti rinnovabili e riciclate come il mais, il legno, e il girasole. Per far si che ogni evento contribuiosca a uno sviluppo della società in modo del tutto rispettoso, quasi a ritroso. Valorizzando cosi le ricchezze che si hanno intorno, ma che non si è capaci di usare, riscoprendo cosi la “stoffa” che ognuno di noi possiede.
10688021_792968467390060_2306386283306994732_o

 

Non lasciare tracce. Una scommessa Ecologica.

Si e concluso con grande successo Il family day 2014 svoltosi il 20 settembre a Ferentino, vicino Roma, grazie anche all’ingegnosità di Moreno Rotondi responsabile dell’azienda Arken nata nel 1993. L’azienda che annovera tra i suoi più importanti obiettivi l’innovazione e la soddisfazione dei clienti,  ha deciso di mettersi a piena disposizione all’interno del Family day; portando all’attenzione dei partecipanti l’investimento ecologico fatto all’interno dell’azienda di un impianto fotovoltaico da 400kw ed un impianto di cogenerazione, che trasforma gli scarti di lavorazione in energia pulita in grado di produrre energia elettrica e termica. Contemporaneamente all’interno del Festival sono state utilizzate esclusivamente stoviglie in materiale biodegradabile e compostabile, fornite dalla Coop. Soc. La Tana, coerenti con il sistema di gestione ambientale ISO 14001. Tutto l’organico raccolto in maniera differenziata durante Il Festival, insieme alle stoviglie, è stato conferito nella Stazione Sperimentale di compostaggio e con la tecnica del “cumulo a caldo” trasformato in compost. Tutto l’organico è stato mischiato con foglie secche, erbe e potatura proveniente dal taglio del giardino e per facilitare l’azione di compostaggio è stato unito il tutto con compost “giovane” di circa due mesi. Questo per dimostrare che nell’esistenza sono molte le tracce che possiamo lasciare, ma possiamo fare anche in modo che queste non siano fatte di immondizia ma di energia e sviluppo.

10658953_383748331772614_7527096491356235490_o

E’ ora di Piantarla.

Contrada Casaldianni a Circello: Ieri 19 settembre è partito il primo Festival della Canapa in Campania, nella Provincia di Benevento con la scommessa di far comprendere a tutti i partecipanti il valore di questa pianta. Elemento sacro dalle mille virtù, che vanno da quelle tessili, all’alimentazione, a vero e proprio “ricostituente” del terreno. Essa è una pianta essenziale per la terra in questo periodo dove l’abuso ha reso i terreni più inquinati che mai ed ora come ora hanno bisogno di essere rivalutati in modo del tutto innovativo. Questo Festival vuole diffondere le varietà di canapa comprese le loro doti preziose e le possibilità economiche che si stanno sviluppando all’interno di questo nuovo mercato in tutta Italia. Grazie a CIA Benevento, a Lentamente Società Cooperativa Agricola e MinimoImpato, fino al 21 settembre il Campacanapa Festival punterà alla rivalutazione della canapa creando un luogo di incontro durante il quale acquisire conoscenze e competenze relative alla coltura della canapa per valutare ed eventualmente provare a trovare un indirizzo comune nell’implementazione di progetti legati a questa coltura. Sono previsti convegni, laboratori pratici, assaggi gastronomici. Grazie alla collaborazione con la coop. soc. laTana, che punta al recupero di materiali naturali, ai curiosi del mondo green sarà proposto un catering del tutto ecologico. Utilizzando il nuovo kit proposto dalla coop.soc LaTana che comprende forchette, cucchiai e coltelli di legno, buste bioware e tovaglioli, si cercherà di rispettare la naturale circolarità degli elementi. «Sono sempre di più gli individui che si pongono il problema della produzione e dello smaltimento dei rifiuti, specialmente di quelli quotidiani. Noi crediamo che i nostri kit possano rispondere, in parte, alla soluzione di alcuni aspetti di questa questione». Cosi Paola Lucchetti Presidente dell coop. soc.LaTana spiega la loro presenza li al Festival! Allargando poi l’invito a tutti quelli che credono sia possibile cambiare il mondo partendo da piccoli gesti come può essere quello di piantare un seme!

Campacanapa